SEO per Blog: come scrivere gli articoli in ottica SEO

Articoli SEO come fare SEO per Blog

Chiudi gli occhi e prova a immaginare questa situazione: i tuoi contenuti indicizzati in prima pagina su Google, un aumento costante del traffico organico nel tuo blog, engagement e conversion rate alle stelle.

Un sogno? Sì, anzi un'utopia quasi irraggiungibile se non usi la SEO per il tuo blog!

Scrivere un articolo o un post per un sito non è semplice perché richiede alcune abilità specifiche.

Per mantenere vivo l’interesse dei tuoi lettori devi partire dallo starter pack del blogger ovvero produrre contenuti piacevoli da leggere, ma anche utili e accattivanti.

Per riuscire però a portare a casa il risultato devi affiancare alla capacità di scrivere e affascinare il tuo pubblico, l’abilità di produrre un articolo in chiave SEO.


A questo punto mi dirai che l’ottimizzazione tecnica di un post e l’arte della scrittura sono due elementi opposti e contrastanti. Ne sei davvero sicuro?

La SEO per il blog ti aiuta a rendere il testo più leggibile, migliora i tuoi contenuti, li rende più fruibili e graditi non solo ai tuoi lettori ma anche a Google che premierà i tuoi sforzi posizionando in alto i tuoi post.

Il risultato? Il sogno a occhi aperti di cui parlavo all’inizio del paragrafo diverrà pura e semplice realtà!

In questo articolo ti spiegherò perché la SEO è importante per il tuo blog, ti svelerò qualche piccolo trucchetto per semplificarti il lavoro, ma soprattutto ti dirò 11 metodi efficaci per migliorare il posizionamento e la visibilità del tuo blog grazie alla SEO.

  1. Ricerca le giuste parole chiave
  2. Usa le parole chiave in importanti aree SEO della pagina
  3. Scegli un titolo efficace
  4. Organizza i tuoi contenuti in Cluster di argomenti
  5. Utilizza gli elenchi
  6. Scrivi in chiave SEO per posizionarti negli snippet
  7. Ottimizza le immagini
  8. Usa i link interni
  9. Crea Url personalizzati
  10. Controlla la reattività dei tuoi contenuti
  11. Migliora la leggibilità dei tuoi blog post

Perché la SEO è importante per il tuo blog?

Vale la pena ottimizzare il tuo blog in chiave SEO per rendere felice mr. Google? Sì, e ti spiego subito il perché.


Anche se esistono mille modi per portare visitatori al tuo sito, il traffico che arriva dai motori di ricerca è sicuramente il più stabile e costante nel tempo.

Se riuscissi a posizionarti bene per le parole chiave che la persone cercano di più, i tuoi articoli attirerebbero un flusso continuo di visitatori mirati da Google.

Il blog è quindi uno strumento essenziale per il successo della tua strategia di content marketing.


Ovviamente non basterà scrivere semplicemente degli articoli per far si che il tuo blog spopoli sul web da un giorno all'altro.

Per avere successo con Google bisogna armarsi di pazienza e seguire alcune regole.

Di seguito i nostri 11 consigli su come ottimizzare un articolo per la SEO.

11 consigli per scrivere articoli SEO:

1) Ricerca le giuste parole chiave

Sai come iniziano il 70% delle esperienze online degli utenti? Con una ricerca, ovviamente 🙂

La ricerca delle Keywords è necessaria per comprendere cosa stanno cercando esattamente i tuoi possibili clienti e quindi per impostare i tuoi contenuti in maniera tale da fornire risposte adeguate, puntuali e risolutive ai loro bisogni.

Ma quali sono le caratteristiche che deve possedere una parola chiave?

  • Deve essere comunemente utilizzata sui motori di ricerca ma allo stesso tempo poco utilizzata dai tuoi competitors.
  • Deve essere presente nel testo quel tanto che basta a coinvolgere i lettori ma non deve essere fuori contesto o presente in maniera eccessiva.

Per aiutarti a definire un elenco di parole chiave pertinenti utilizza tool specializzati come Ricerca parole chiave di Seozen.

Lo strumento non solo elabora le keywords più efficaci da 4 fonti diverse ma ti permette di trovare nuove parole chiave esaminando i siti dei tuoi concorrenti.

Niente male vero?

2) Usa le parole chiave in importanti aree SEO della pagina

Le keywords principali devono essere distribuite in maniera naturale nel testo ma non possono mancare assolutamente in alcune parti del tuo articolo:

Il nostro strumento “Mappa del sito” può aiutarti a monitorare facilmente se hai utilizzato le tue parole chiave in tutti i punti necessari e fornirti indicazioni sulle migliori opportunità per ottimizzare i tuoi blog in base alle parole chiave scelte.

SEO per il Blog scrivere un articolo SEO

3) Scegli un titolo efficace

Secondo i marketers statunitensi, la scelta del titolo dovrebbe occupare un terzo del tuo tempo. Ti sembra esagerato? Proviamo a rifletterci su.

Il titolo dell’articolo è una delle parti più importanti della SEO per il blog perché, se ci pensi bene, è l’esca che spingerà gli utenti a cliccare sul tuo articolo per saperne di più sull’argomento.

Per attuare un’efficace strategia editoriale, il title dovrà ovviamente essere centrato sul tuo target di riferimento, sulla risoluzione di un problema o sulla risposta a una domanda comune (ovviamente in relazione al prodotto che vendi o al servizio che offri).

Anche in questo caso ti do qualche suggerimento:

  • non usare un titolo più lungo di 70 caratteri (spazi inclusi);
  • posiziona la parola chiave principale nelle prime battute del titolo perché Google potrebbe tagliare il tuo titolo nei risultati di ricerca;
  • fai una domanda per incuriosire il lettore, usa parole che possono provocare una reazione emotiva;
  • utilizza la prima persona singolare (ovviamente se il tone of voice lo consente).

I titoli che incuriosiscono maggiormente i lettori sono quelli che puntano sulle liste come, ad esempio, “5 consigli per acquistare un’auto”. Usa questo piccolo escamotage quando l’argomento dell’articolo che stai scrivendo te lo consente.

4) Organizza i tuoi contenuti in Cluster di argomenti

Uno degli errori più frequenti che ho potuto notare nei miei clienti è la difficoltà di considerare il blog come un’entità unica.

Mi spiego meglio. In molti casi ho riscontrato la presenza di contenuti simili, di articoli che trattano lo stesso argomento e che finiscono per farsi concorrenza tra loro. La conseguenza è una sostanziale confusione che disorienta il lettore ma anche il motore di ricerca.

Per evitare questo errore, ti consiglio di effettuare un audit tecnico del sito e di organizzare i tuoi contenuti in cluster di argomenti.

Immagina il tuo blog come una pianta. Il tronco, quindi la parte principale, sarà rappresentata dalle Pillar Page che tratteranno in maniera esaustiva gli argomenti principali mentre i rami saranno i collegamenti (link ipertestuali) a tematiche più specifiche e particolari.

Esempio: la pillar page del tuo blog di auto sarà come acquistare una vettura, le caratteristiche, gli aspetti da tenere in considerazione e così via.

Il sottotema sarà come acquistare un SUV o un’auto d’epoca.

5) Utilizza gli elenchi

È inutile negarlo: la lettura dell’utente 2.0 è spesso rapida e superficiale, molti navigatori del web leggono soltanto i sottotitoli e gli elenchi puntati.

Usa l’elenco tematico per strutturare l’indice in modo tale che sia chiaro sin dall’inizio quali sono gli argomenti che tratterai ma posizionalo anche nel cuore del post stesso per agganciare l’attenzione del lettore.

E se accanto all’elenco inserirai anche una bella infografica, voilà, il posizionamento è servito!

6) Scrivi in chiave SEO per posizionarti negli snippet

I Featured snippet sono brevi estratti di pagine web che appaiono nei risultati di Google. Il motore di ricerca non genera un contenuto ma semplicemente estrae questi frammenti dai siti che ha indicizzato in precedenza.

Da un punto di vista strettamente pratico quindi gli snippet funzionano come una sorta di “risposta rapida” alla domanda degli utenti e sono visualizzati in una casella nella parte superiore della pagina dei risultati di ricerca.

SEO per Blog per apparire in SERP

Gli snippet rivestono un ruolo di primaria importanza nella tua strategia di content marketing perché possono aumentare le conversioni, le percentuali di clic (CTR) fino all’8% e la consapevolezza del marchio rendendo visibile i tuoi contenuti e la tua pagina web ai nuovi utenti.

Ma come si fa a scrivere in chiave SEO per posizionarsi negli snippet?

Partiamo dal presupposto che i tuoi contenuti devono fornire la migliore risposta possibile alle domande degli utenti. Per raggiungere questo obiettivo dovresti innanzitutto dare un’occhiata alle SERP che già compaiono con uno snippet.

Controlla anche quali tipi di snippet in primo piano mostra Google per una parola chiave specifica, come un elenco puntato o numerato rispetto a un paragrafo di testo.

Usa queste informazioni per strutturare il tuo articolo.

Quando scrivi, punta ad uno stile di scrittura chiaro e conciso con sottotitoli ponderati. In questo modo, aumenterai le possibilità che il tuo articolo appaia in prima pagina su Google.

7) Ottimizza le immagini

Quando pensiamo alla SEO per il blog, spesso ci riferiamo soltanto ai contenuti, un errore che può precludere il raggiungimento di un ottimo risultato.

Una buona ottimizzazione passa anche dalle immagini: l’attributo Alt viene preso in considerazione da Google per migliorare il nostro PageRank e non solo. Un’immagine nitida e pertinente facilita e migliora la lettura della pagina stessa.

I motori di ricerca ovviamente non vedono i contenuti multimediali ma ne leggono i dati, questo vuol dire che l’inserimento dell’immagine deve essere accompagnato da alcune informazioni che la riguardano come descrizione e tag Alt.

Attenzione a non riempire queste sezioni con parole chiave inutili, il pericolo del keyword stuffing e la relativa penalizzazione sono sempre dietro l’angolo.

Un aspetto che spesso tendiamo a sottovalutare è il peso dell’immagine, soprattutto in un momento in cui la navigazione degli utenti avviene soprattutto attraverso smartphone e tablet.

Un’immagine troppo pesante prolunga i tempi di caricamento del sito, andando a influire in maniera negativa sulla user experience. In parole povere? Il tuo potenziale cliente si stanca di attendere, chiude il tuo sito e passa a quello della concorrenza!

Gli imperativi quindi sono due: leggerezza e utilizzo di strumenti come Photoshop o Gimp per comprimere l’immagine senza incidere sulla sua qualità.

A questo proposito non perderti la nostra guida: "Come ottimizzare le immagini per la SEO e conquistare la prima pagina di Google"

9) Crea Url personalizzati

La struttura di un URL è uno dei fattori più importanti in termini di ottimizzazione SEO e di ranking. Spesso tendiamo a trascurare questa parte così importante del nostro articolo, facendo affidamento su quelli generati in maniera automatica.

Se invece proviamo a personalizzare un URL, Google, ma in generale i motori di ricerca, comprendono più facilmente l’argomento trattato dalle pagine e i bot riusciranno ad indicizzare le pagine di conseguenza.

La personalizzazione dell’URL permette all’utente di comprendere al volo l’argomento trattato da quella specifica pagina. La sua navigazione diventa più chiara, consapevole e produttiva non soltanto per lui ma anche per la tua attività!

10) Controlla la reattività dei tuoi contenuti

Il tuo post deve essere responsive ovvero ottimizzato per tutti i dispositivi: PC ovviamente ma soprattutto smartphone e tablet.

I tuoi contenuti quindi devono essere visualizzati in maniera corretta indipendentemente dalle dimensioni dello schermo.

Google non solo consiglia il responsive web design, ma lo privilegia perché:

  • migliora la user experience
  • aumenta la visibilità sui motori di ricerca
  • può aumentare la generazione di lead, le vendite e le conversioni.

In linea di massima, i siti Web ottimizzati per i dispositivi mobili sono classificati più in alto nei risultati di ricerca mentre i blog non responsive subiscono inevitabilmente un calo a livello di autorevolezza e di page ranking.


Per approfondire leggi anche: "Come creare contenuti mobile friendly: 7 consigli pratici"

11) Migliora la leggibilità dei tuoi blog post

Immagina di dover cercare qualche notizia in merito agli ultimi modelli di SUV da acquistare.

Approdi su un blog attirato da un titolo a effetto che suona più o meno così: 5 modi per scegliere il SUV dei tuoi sogni.

Da un punto di vista formale il titolo è impeccabile: è una lista che fa leva su un tuo desiderio e ti suscita un’emozione.

Peccato che una volta arrivato sulla pagina, ti trovi di fronte a un vero e proprio muro di 2.500 parole senza spazi o sufficienti virgole o punti: praticamente, per leggerle, vai in apnea!

Immagina la stessa situazione ma con una pagina dove sono presenti:

  • sottotitoli,
  • parole in grassetto,
  • punteggiatura frequente,
  • frasi brevi,
  • elenchi,
  • spazi tra un paragrafo e l’altro,
  • immagini e qualche infografica.

Quale blog scegli? Sicuramente il secondo!

La leggibilità di un articolo migliora la fruizione da pc ma soprattutto quella da dispositivo mobile che, come abbiamo visto, è la più frequente e utilizzata.

Riepilogando, per migliorare la leggibilità del tuo blog:

  • usa le intestazioni H2, H3 e H4 che renderanno più fruibile il tuo testo anche da parte dei bot
  • la lunghezza dei paragrafi non dovrebbe superare le 300 parole
  • usa gli spazi per regalare respiro all’intero testo
  • utilizza un plug-in per individuare eventuali problemi di leggibilità.

Semplifica la SEO del tuo blog con SEOZEN

Creare contenuti ottimizzati per il blog può sembrare un processo complesso, lungo e difficile da realizzare. In realtà, tutto quello che devi fare è scrivere con passione, competenza e utilizzare gli strumenti giusti, come quelli che ti offre Seozen.

Il nostro software SEO ti guiderà per migliorare il posizionamento e la visibilità del tuo blog in semplici passaggi e senza troppa fatica 😉

Trova gli errori sul tuo Blog

prova gratis il Site Audit di Seozen

Cliccando questo tasto, acconsenti alla Privacy Policy di Seozen
Articoli SEO come fare SEO per Blog
Elena Pavia Digital Coach

"Amo lavorare con i membri della nostra community per aiutarli a migliorare la visibilità online del proprio sito web con consigli pratici. Ho investito anni ad imparare gli aspetti tecnici dei principali CMS, e a scrivere contenuti web per aiutare i nostri membri a realizzare una campagna di comunicazione di successo!"

Elena Pavia