Cosa sono le Long tail keyword e come trovarle

cosa sono le long tail keyword

Concorrenza bassa, potenziale di conversione elevato.

Di cosa stiamo parlando? Delle long tail keyword, le parole chiave a coda lunga che corrispondono a un intento di ricerca specifico e che, proprio per questo motivo, possono decretare il successo del tuo sito ma soprattutto delle tue campagne di marketing.

Non sai come trovarle e come utilizzarle all’interno dei tuoi post? Tranquillo, te lo spieghiamo noi!

Indice:

Cosa sono le keyword long tail?

La concorrenza online è una guerra senza esclusione di colpi. Ogni giorno, lo abbiamo detto più volte, vengono pubblicati migliaia di contenuti: trovare il proprio posto nel pazzo mondo di Internet non è affatto facile perché, per emergere, hai bisogno di trovare soluzioni innovative e creative. E le long tail keyword rispondono proprio a questa esigenza!


- Le parole chiave a coda lunga sono delle vere e proprie frasi composte da tre o più parole che esprimono un intento di ricerca mirato e specifico.


 Sono caratterizzate da un basso volume di ricerca, bassa concorrenza ma da tassi di conversione molto elevati. Immagina la query come una curva: le keyword long tail si trovano nella "coda lunga" di questa curva ovvero nella parte finale. Il motivo è semplice: sono poche le persone che cercano questi termini nell'arco temporale di un mese.


Questo però non è uno svantaggio e sai perché?


Te lo diciamo con le parole di Neil Patel, il guru del marketing mondiale: "Where there’s search volume, there’s lots of competition" ovvero dove c'è volume di ricerca, c'è molta concorrenza.


Le long tail keyword invece sono più semplici da classificare e generano conversioni più elevate rispetto alla classica parola chiave. La parola chiave a coda lunga è più efficace perché è guidata dall’intento ovvero esprime una chiara esigenza dell’utente, un bisogno che tu puoi soddisfare.


Comprendere l’intento di ricerca dei naviganti del web è fondamentale per la tua attività perché, una volta capito cosa cercano, puoi realizzare facilmente contenuti che rispondono alle loro domande e che quindi possono convertirli in futuri clienti. Vuoi un esempio?


Mettiamo il caso che il tuo settore commerciale sia quello delle calzature.


Se cerchi scarpe da donna su Google vedrai che vengono visualizzate diverse opzioni ma, in linea di massima, è una keyword semplice per la quale però è difficile classificarsi, basti pensare che ha un volume di ricerca mensile pari a 5.400.


Alla query "scarpe da donna con strappo" invece corrisponde un volume di 50, molto più basso rispetto al precedente ma con un enorme potenziale. 


Gli utenti che utilizzano quel termine durante la ricerca su Google ti troveranno molto più facilmente e non solo. Se utilizzi questa keyword long tail in una pagina prodotto o in post del tuo blog potresti classificarti più facilmente in prima pagina su Google.

Keyword long tail: facciamo qualche esempio

Mettiamo il caso che l’utente X, fan accanito del Ramen, stia cercando qualche informazione su Google proprio in merito al celebre piatto giapponese.


Mettiamo ancora il caso che tu sia il titolare del ristorante "Dal Sol Levante con furore" e che nel tuo locale venga servito il miglior Ramen della città. Incontrare il signor X non è così semplice come sembra perché non sappiamo esattamente cosa sta cercando.


Le informazioni specifiche iniziano ad arrivare quando digita una query a coda lunga, come, ad esempio:


• quante calorie ha il ramen

• ricetta originale del ramen

• ricetta ramen vegetariano

• ramen senza tofu

• ristorante ramen vicino a me (vedi l'importanza della Local SEO?)


Il tuo compito a questo punto, una volta intercettato l’intento, sarebbe quello di creare un contenuto ad hoc, che possa fare da traino tra la query del cliente e la tua attività.

Qual è la differenza tra keyword a coda lunga e keyword a coda corta?

La differenza sta tutta nella quantità e nell’intento. Le long tail keyword, come abbiamo visto, possono essere considerate delle frasi specifiche che contano un minimo di tre parole. Le keywords a coda corta sono invece query di ricerca più generiche composte da un massimo di due parole.

6 buoni motivi + 1 per usare le keyword long tail

Lo sai che il 70% del traffico di ricerca proviene dalle long tail keyword? Questo però non è l'unico vantaggio:


1) Meno concorrenza


Quando una parola chiave ha più intenti o addirittura più significati presenta un livello di competizione molto più elevato. Questa caratteristica, soprattutto se sei un’azienda nata da poco, rende molto difficile la concorrenza per le attività specializzate in quel determinato settore.


Se possiedi un hotel a Viareggio, la query "Hotel Viareggio" è molto competitiva mentre "Hotel 3 stelle economico Viareggio" è più specifica, mirata e soprattutto caratterizzata da un basso tasso di concorrenza. Se la inserisci nei contenuti del tuo sito, ti regali un’importante possibilità di piazzarti in prima pagina su Google!


2) Intento Specifico = intenzione di acquistare


Sapevi che le persone che effettuano ricerche più specifiche sono quelle più intenzionate ad acquistare?


Riprendiamo il nostro esempio dell’hotel.


"Hotel Viareggio" e "Hotel Viareggio 3 stelle fronte mare".


Secondo te, quale di queste due query indica un utente più disposto all'acquisto? La specificità delle keyword long tail indica che ci sono ottime probabilità che quell'utente si converta in cliente.


3) Ridurre i costi del marketing


Permettici una piccola digressione.


La pubblicità, quella a pagamento, rappresenta senza dubbio un modo semplice e veloce di raggiungere il tuo pubblico. Il problema però è che paghi per ogni click, quindi è una voce che sostanzialmente pesa nel tuo bilancio.


Sostituire quel click con il traffico organico potrebbe non solo farti risparmiare denaro ma anche offrirti risultati migliori in termini di lead generation.


Attenzione, non siamo noi a dirlo ma l’Economic Report di Google, un documento in cui viene ufficializzato un dato molto importante: la ricerca organica è cinque volte più produttiva della ricerca a pagamento.


Le parole chiave "a coda corta" comportano un investimento molto più elevato rispetto alle long tail perché le aziende che vogliono posizionarsi per quella parola chiave sono veramente numerose. I costi delle parole chiave a coda lunga su Google Ads invece sono inferiori rispetto alle parole chiave generiche.


Se cerchi un ottimo compromesso tra CPC (Costo per Click) e ROI, le long tail rappresentano una soluzione estremamente vantaggiosa perché riducono i costi a favore di un ROI più elevato.


4) Personalizzare e raggiungere un pubblico di nicchia


Le long tail ti permettono di mirare a mercati di nicchia: le keyword molto dettagliate migliorano la tua segmentazione del mercato e ti aiutano a raggiungere la parte più definita e specifica di questo settore.


5) Guidano l’utente nel funnel di vendita


Se usi correttamente le parole chiave a coda lunga nel blog, potrai guidare il visitatore del tuo sito web verso il famoso imbuto della vendita, il percorso lungo il quale il nostro utente si trasforma in cliente effettivo.


6) Ti aiutano a trovare buone idee per i tuoi contenuti


Sei a corto di idee per il tuo prossimo post? L'elenco di parole chiave a coda lunga ti semplifica la ricerca di idee per contenuti interessanti per i tuoi potenziali clienti: tutto quello che devi fare è trasformare le domande più frequenti in un contenuto!


Esiste anche un altro importante vantaggio, dettato soprattutto dall'evoluzione continua del web. Le long tail ti permettono di adattare la tua strategia di marketing alle tendenze degli utenti come, ad esempio, la ricerca vocale, che utilizza spontaneamente query a coda lunga.

Come scegliere le migliori parole chiave a coda lunga?

Trovare le parole chiave a coda lunga è semplice e veloce, basta utilizzare gli strumenti giusti!

Completamento automatico di Google


Quando digiti una query, Google ti mostra una serie di risultati sia nella casella di ricerca in alto sia in fondo, nel box che trovi alla fine della pagina. Queste aree sono due risorse preziose per la ricerca delle long tail


Ad esempio, immaginiamo che tu stia cercando delle parole chiave a coda lunga relative a notizie di cronaca. Prova a digitare nella casella di ricerca qualcosa come "notizie cronaca", otterrai la seguente lista di suggerimenti:

long tail keyword

Ricerche correlate di Google


Le ricerche correlate su Google sono una funzione che viene mostrata in fondo alla prima pagina dei risultati di ricerca. 


Queste sono parole o frasi correlate alla query di ricerca originale e che Google ritiene possano interessare l'utente. 


Queste sono ad esempio le ricerche correlate per “scarpe donna”:

People Also Ask


Quando si digita una query di ricerca, Google mostra una serie di risultati e, a volte, anche alcune domande correlate che gli utenti potrebbero aver fatto sulla stessa tematica.

People Also Ask

Google Keyword Planner


Lo strumento Keyword Planner di Google Ads è un tool gratuito per la ricerca di parole chiave utilizzato per trovare le parole chiave più pertinenti e popolari per la tua campagna pubblicitaria su Google Ads. 

Tuttavia è un ottima fonte per trovare nuove idee di parole chiave.

Ecco come funziona: 


  1. Accedi al tuo account Google Ads e seleziona l'opzione "Strumenti e impostazioni". 
  2. Seleziona "Keyword Planner" dal menu a discesa "Pianificazione". 
  3. Seleziona l'opzione "Cerca nuove parole chiave" e immetti il tuo prodotto o servizio, l'URL del tuo sito web o alcune parole chiave pertinenti. 
  4. Seleziona la tua lingua e la posizione geografica in cui desideri mostrare i tuoi annunci. 
  5. Seleziona "Ottieni idee" e verranno visualizzate le parole chiave pertinenti, suddivise per gruppi di annunci e con il relativo volume di ricerca e la concorrenza. 


Puoi anche utilizzare la funzione "Ottieni il volume di ricerca e le previsioni" per ottenere informazioni più dettagliate sulle parole chiave, come il volume di ricerca mensile e le previsioni sulle prestazioni degli annunci.


Gli strumenti di SEOZEN


Lo strumento di ricerca parole chiave di SEOZEN ti aiuta sicuramente a velocizzare la tua ricerca. Questo perché il tool raccoglie direttamente le idee per le keywords dalle 4 fonti di cui ti abbiamo già parlato:


  • Google Ads Keyword planner 
  • completamento automatico di Google 
  • ricerche correlate 
  • People Also Ask.


Ti basta partire da una generica "parola chiave di partenza" per trovare rapidamente alcune versioni long-tail di quella parola chiave:

come trovare long tail keyword

Forum e social network


Forum di settore, blog (anche di nicchia) e social sono delle vere e proprie miniere d’oro che ti aiutano a scoprire informazioni importanti come domande, dubbi o problemi del tuo pubblico di destinazione.


Grazie a portali come Facebook e altre piattaforme è quindi possibile individuare i termini che i consumatori utilizzano quando vogliono informazioni su un determinato argomento.

Come inserire le long tail keyword in modo efficace

Abbiamo creato la nostra bella lista di keyword long tail. Ora, come le usiamo?


Quando hai un elenco abbastanza lungo di parole chiave a coda lunga hai bisogno di contenuti e formati diversi da ottimizzare per queste keyword.


Una delle cose più importanti da fare è creare un buon piano editoriale. Produrre contenuti capaci di parlare agli utenti che navigano sul web è senza dubbio un elemento capace di migliorare la user experience e, di conseguenza, anche la posizione del tuo sito nei motori di ricerca.


Prenditi quindi un po’ di tempo per costruire e adattare il tuo piano editoriale intorno alle long tail keyword. Sai qual è il metodo più efficace per rispondere con pertinenza e precisione alle domande di un utente X? Mettersi nei suoi panni. E sai come fai a metterti nei suoi panni? Delineando il tuo target di clienti.


La buyer persona


Se non sai chi è il tuo cliente o meglio la tua buyer persona, stai rischiando di non capire cosa stanno cercando le persone e come lo stanno cercando.


Per inserire una parola chiave a coda lunga invece hai bisogno di precisione e chiarezza. Per raggiungere questo obiettivo devi capire chi è il tuo pubblico di destinazione.


Creare una buyer persona vuol dire delineare i tratti principali del lettore/cliente che vorresti attirare sul tuo sito. Mettiti nei suoi panni, chiediti quali sono le sue domande, quali sono le informazioni che cerca e come le sta cercando.


Capire il target del cliente tipo ti aiuta a comprendere, insieme agli strumenti offerti da Seozen, qual è il suo intento di ricerca.


Crea un contenuto di qualità


A questo punto hai due elementi a tua disposizione: hai capito cosa cerca il tuo cliente ideale e hai un elenco più o meno lungo di parole chiave a coda lunga intorno alle quali costruire un contenuto di qualità.


Siamo sinceri: scrivere, facendo riferimento alle keyword long tail non è sempre facile. Quello che ti consigliamo di fare è di evitare di inserire troppe parole chiave.


Ogni keyword deve essere il più naturale possibile perché stai scrivendo per un essere umano e non per i motori di ricerca. In qualche caso, dovrai modificare leggermente le tue keyword per non incidere sulla leggibilità. Fallo, a Google non piace chi sacrifica il valore di un contenuto per una parola chiave secca!


Usa una buona strategia


Le parole chiave dovrebbero essere incluse nel titolo e nelle intestazioni: in questo modo comunicherai all’utente che nel tuo post troverà esattamente quello che sta cercando e lo spingerai quindi alla lettura del tuo contenuto.


Tra le best practice relative all'inserimento delle keyword, ti ricordiamo che dovresti usarle nei sottotitoli e anche nel primo paragrafo, meglio ancora se nella prima frase. E per la frequenza? Gli esperti di marketing ti dicono che dovresti inserirne una ogni 200 parole ma vale sempre lo stesso principio: non sacrificare la qualità per la quantità!


Sfrutta il campo semantico


Il contenuto di qualità soddisfa l’utente ma anche il motore di ricerca. All'algoritmo di Google però piace tanto anche l’utilizzo dei campi semantici, lo ama talmente che, se lo usi, ti premia con un buon posizionamento per le tue long tail keyword. Non accontentarti quindi di inserire nel tuo contenuto quelle che hai trovato con gli strumenti a tua disposizione ma arricchisci i tuoi contenuti utilizzando parole chiave ad esse correlate.

Conclusione

In conclusione, le strategie SEO per migliorare il posizionamento del tuo sito sono numerose. 


Una delle più efficaci consiste proprio nell'utilizzo delle keywords long tail perché si riferiscono a un intento di ricerca specifico e mirato e hanno un tasso di conversione più elevato. 


Bene, a questo punto direi che hai tutto ciò che ti occorre per rendere vincenti i tuoi contenuti 😉


Elena Pavia Digital Coach

Elena Pavia

Amo lavorare con i membri della nostra community per aiutarli a migliorare la visibilità online del proprio sito web con consigli pratici. Ho investito anni ad imparare gli aspetti tecnici dei principali CMS, e a scrivere contenuti web per aiutare i nostri membri a realizzare una campagna di comunicazione di successo!

Potrebbe interessarti anche:

Largest Contentful Paint
Che cos’è LCP: cos’è e come migliorarlo
Impara a identificare e correggere i problemi di LCP per migliorare la velocità di caricamento delle pagine e aumentare il ranking del tuo sito web.
come correggere i broken links
Broken links: come trovarli e correggerli
Un collegamento interrotto può influire gravemente sulla user experience del tuo sito web. Impara come identificare e correggere questi problemi.
Come Creare Landing Page per la SEO
Creare e Ottimizzare Landing Page per SEO: Guida Completa
Guida completa per creare e ottimizzare landing page in chiave SEO. Incrementa il traffico qualificato del tuo sito con le giuste tecniche e consigli.

Esegui un Audit completo del tuo sito web in pochi minuti



Cliccando questo tasto, acconsenti alla Privacy Policy di Seozen